•  
  •  
  • Home
  • /Contenuti con tag ' Ambiente '
  • /Page 3

Ambiente

Spazi Confinati: la formazione con unità mobili di addestramento

Spazi Confinati: la formazione con unità mobili di addestramento
Per prevenire e ridurre la gravità dei molti incidenti che avvengono negli spazi o ambienti confinati, il Presidente della Repubblica ha emanato il 14 settembre 2011 il DPR n. 177 del 2011 che definisce la qualificazione professionale richiesta alle aziende e ai lavoratori operanti in tali ambienti di lavoro. Negli ambienti sospetti di inquinamento o confinati devono operare solo imprese e lavoratori in possesso di competenze, formazione, informazione, addestramento e procedure di sicurezza adeguati al rischio delle attività da svolgere. Essendo proprio lo strumento della formazione e dell'addestramento pratico uno dei principali elementi di prevenzione, Cisita Parma sostiene le imprese nel difficile compito di promuovere specifiche attività di sensibilizzazione e formazione delle proprie risorse umane sulla prevenzione degli infortuni in ambienti confinati. In particolare tra i suoi corsi Cisita Parma, in collaborazione con ISQ e CEA Estintori, propone attività di formazione ed addestramento itinerante sulle procedure di lavoro in spazi confinati, realizzando un primo percorso formativo teorico, propedeutico ad un addestramento in campo, che impiega una speciale Unità Mobile di Addestramento (U.M.A.), allestita come simulatore delle condizioni di ingresso/uscita sia in verticale che in orizzontale da uno spazio confinato. L'interno del simulatore è allestito per riprodurre le condizioni operative prevedibili negli interventi lavorativi in spazi confinati, con il fine di addestrare alle corrette procedure di sicurezza in situazioni normali e di emergenza. Per informazioni: Chiara Ferri, ferri@cisita.parma.it

Continua a leggere →

 

Andamento degli infortuni sul lavoro: Relazione annuale Inail 2012

Mercoledì 10 luglio 2013 è stata presentata la Relazione annuale Inail sull'andamento degli infortuni e delle malattie professionali nel corso dell'anno 2012. La Relazione rivela come nel 2012 si siano registrati dati incoraggianti: le denunce di infortuni sono state 745 mila, pari a circa il 9% in meno rispetto al precedente anno e al 23% in meno rispetto al 2008. Le denunce di infortunio mortale invece sono state 1.296, di cui 790 risultano essere infortuni "accertati" sul lavoro, con una riduzione di circa il 6% rispetto al 2011 e del 27% rispetto al 2008, mentre le denunce per malattie professionali sono state circa 47.500 di cui ne è stata riconosciuta la causa professionale al 37% circa. Di rilevante importanza all'interno della Relazione sono soprattutto le azioni strategiche messe in campo dall'Inail, in particolare per quanto riguarda gli incentivi alle imprese per favorire la salute e la sicurezza sul lavoro, i piani nazionali di prevenzione in alcuni settori ad alto rischio d'infortuni (come ad esempio edilizia e agricoltura) e la riduzione delle malattie professionali. Sicuramente una delle attività più efficaci per un'effettiva e duratura diminuzione degli infortuni è quella di creare nelle aziende una cultura della salute e della sicurezza nel proprio luogo di lavoro, fornendo alle persone gli strumenti per creare un modus operandi che garantisca corrette modalità operative e gestionali delle attività lavorative. Cisita Parma si inserisce in questo contesto promuovendo la realizzazione di piani formativi volti a sensibilizzare e formare lavoratori e imprenditori in conformità alla normativa vigente in tema di salute e sicurezza sul lavoro. Per maggiori informazioni: Chiara Ferri, ferri@cisita.parma.it, oppure visita il nostro sito www.cisita.parma.it

Continua a leggere →

 

Premio cinematografico Ambienti di lavoro sani e sicuri 2013

In occasione del Festival Internazionale del cinema documentario e di animazione di Lipsia (DOK LIpsia), l'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro presenta per il quinto anno il premio cinematografico Ambienti di lavoro sani e sicuri. Il vincitore riceverà un premio in denaro di 8.000 euro e il documentario verrà prodotto e distribuito dall' EU-OSHA in tutta Europa in 1000 copie e in 8 lingue. Il premio cinematografico Ambienti di lavoro sani e sicuri verrà conferito a un documentario d'autore artistico creativo, che promuova il dibattito e la discussione tra i cittadini europei sull'importanza della sicurezza e della salute sul luogo di lavoro. Per saperne di più visita il sito dell'EU-OSHA

Continua a leggere →

 

Nuova relazione dell’EU-OSHA per analizzare l’approccio sistemico alla Salute e Sicurezza sul Lavoro nelle scuole.

Una nuova relazione dell'Agenzia Europea per la Salute e Sicurezza sul Lavoro del 15 maggio 2013 esamina la necessità di creare un approccio sistemico ai temi dell'SSL all'interno del percorso educativo e formativo dei giovani, sottolineando ancora una volta l'importanza che la formazione e la prevenzione rivestono in tale settore, a tutte le età e in tutti i campi. Facendo infatti rientrare l'educazione al rischio nei programmi di insegnamento fin dalla scuola materna, questo permetterebbe ai ragazzi di maturare le competenze, le conoscenze e gli atteggiamenti giusti per la prevenzione fin dalla più tenera età, arrivando poi già con un nutrito bagaglio di conoscenze all'interno del mondo del lavoro. Un corretto approccio sistemico ("Whole-School Approach") all'SSL, secondo l'EU-OSHA, dovrebbe così essere in grado di integrare l'educazione al rischio con la gestione della sicurezza e della salute nella scuola, in tutte le sue attività e in tutti i suoi molteplici aspetti, coinvolgendo attivamente tutti i diversi attori (insegnanti, alunni, personale). A riguardo l'Agenzia Europea ha pubblicato un documento approfondito che espone casi d'attuazione di tale approccio, esaminando inoltre l'inclusione dell'educazione al rischio e della gestione della sicurezza scolastica in un più ampio contesto educativo che prevede anche la promozione della salute, la prevenzione della violenza, lo sviluppo sostenibile e le questioni ambientali. Cisita Parma vuole dare rilevanza a tale notizia essendo da sempre impegnata nel campo della salute e sicurezza sul lavoro, convinta che attraverso la formazione si possa sviluppare la cultura della sicurezza e renderla così un modus operandi diffuso e condiviso. Leggi il documento integrale

Continua a leggere →

 

Dal 1° giugno 2013 procedure standardizzate per la valutazione dei rischi nelle PMI

Dal 1° giugno 2013 per le PMI è diventata obbligatoria la valutazione dei rischi secondo le procedure standardizzate in materia di sicurezza sul lavoro. Anche queste aziende infatti dovranno possedere il documento di valutazione che analizzi tutti i rischi presenti in azienda (DVR), che indichi i requisiti di sicurezza adottati e che definisca il programma di interventi per mantenere o migliorare i livelli di prevenzioni di infortuni e malattie professionali. A tal fine sono state prodotte le “procedure standardizzate per la valutazione dei rischi” ( come previsto dall’art. 29 del D.lgs 81/08) approvate dalla Commissione Consultiva Permanente e pubblicate con D. Interm. del 30/11/2012. Per maggiori informazioni: Chiara Ferri, ferri@cisita.parma.it

Continua a leggere →

 

Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro: Pubblicato il Decreto Interministeriale del 6 marzo 2013

E’ stato approvato in Commissione consultiva permanente il documento indicante i «Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro». Per ricoprire il ruolo di formatore il prerequisito minimo di base è il possesso del diploma di scuola secondaria superiore e il rispetto di almeno uno dei criteri elencati nel decreto relativi a: conoscenza, esperienza e capacità didattica. Per maggiori informazioni: Chiara Ferri, ferri@cisita.parma.it

Continua a leggere →