•  
  •  

Progetto Erasmus+ “Green Skills for VET”

Erasmus+ KA220 GS4VET project “Green Skills for VET” 2023-1-IT01-KA220-VET-000150559

Le Priorità di Intervento del Progetto

Ambiente e Lotta ai Cambiamenti Climatici

Con il fine di introdurre la sostenibilità ambientale nel curriculum VET, il progetto propone la progettazione, sperimentazione di programmi di apprendimento sullo sviluppo sostenibile costruiti a partire da scenari di business reali, con il coinvolgimento attivo di imprese appartenenti a settori economici particolarmente impattanti sull’equilibrio ambientale. Per coinvolgere più aree europee e più settori produttivi, sono stati scelti: il settore della produzione agricola, rappresentato dal Portogallo; il settore della metalmeccanica ed impiantistica alimentare, rappresentato dall’Italia (area di Parma); il settore dell’industria della moda e tessile-meccanica, rappresentato dalla Slovenia; il settore della logistica, dei trasporti e delle spedizioni, rappresentato dalla Croazia. Il progetto è incentrato sul tema della sostenibilità ambientale, proponendo sperimentazioni mirate ad innovare i curricula VET a partire da reali problematiche ambientali che il sistema economico-produttivo è attualmente chiamato ad affrontare e a risolvere. L’educazione ambientale assume un ruolo chiave all’interno dei sistemi VET, il cui sbocco professionale più immediato è rappresentato dal mercato del lavoro e, prioritariamente, dall’industria manifatturiera.

Inclusione e Diversità

La crescente popolazione di allievi VET include studenti migranti con barriere linguistiche o culturali, studenti con bisogni educativi speciali e che necessitano di metodi didattici basati sulla pratica esperienziale e/o sul coinvolgimento in gruppi/situazioni collettive. Se il sistema VET manca di metodologie didattiche inclusive, una parte di questi allievi è a rischio di abbandonare l’istruzione.  Il progetto promuove la sperimentazione di programmi di apprendimento sulla sostenibilità ambientale con il ricorso ad attività work-based e problem-based erogate secondo l’approccio metodologico formativo della Flipped Classroom, con coinvolgimento attivo degli allievi nella risoluzione collettiva di casi reali.

Adattare il sistema VET al mercato del lavoro

Il progetto promuove l’aggiornamento delle qualifiche e dei programmi VET favorendone l’adattamento alle attuali esigenze del mercato del lavoro, ed in particolare alle richieste di Green Skills espresse dal sistema manifatturiero, chiamato a gestire la transizione verde. L’industria, coinvolta nel partenariato del progetto, è un luogo dove team strutturati di professionisti già lavorano per affrontare problemi di sostenibilità, progettare e testare soluzioni e convalidarne i risultati. Il sistema produttivo si aspetta di assumere nuovi diplomati VET sempre più preparati e consapevoli del problema ambientale e in grado di fornire un concreto e qualificato contributo.

 

Il parternariato

La compagine, guidata da Cisita Parma, rappresenta una collaborazione sperimentale tra istituti VET di livello secondario, aziende del settore produttivo e manifatturiero e società di consulenza strategica e formazione professionale e manageriale.

Cisita Parma, coordinatore del progetto, curerà la progettazione formativa delle attività di progetto e la valutazione dei risultati di apprendimento per il sistema VET, avendo sotto controllo il monitoraggio del piano di monitoraggio e controllo qualità.

Il settore meccano-alimentare sarà rappresentato dall’Italia con la partecipazione dell’Istituto tecnico-professionaleC.E. Gadda di Fornovo-Langhirano (PR), dotato di indirizzo professionale “Manutenzione e Assistenza Tecnica” curvato verso la manutenzione meccanica e meccatronica degli impianti industriali. La scuola sarà affiancata dall’azienda parmense Frigomeccanica SpA, produttrice di sistemi di refrigerazione per la conservazione di alimenti, in particolare carni e insaccati.

Il settore della produzione alimentare primaria sarà rappresentato dal Portogallo con la partecipazione dell’Istituto EPAQL – Escola Profissional Agricola Quinta da Lageosa di Covilhâ, scuola dedicata alla produzione agricola con curvatura sulla meccanizzazione, all’orticoltura e manutenzione degli spazi verdi e all’allevamento animale, in particolare equino. L’istituto sarà affiancato da AAPIM di Guarda, Associazione di Agricoltori per la Produzione Integrata dei Frutti di Montagna.

La Slovenia rappresenterà invece il settore tessile-meccanico, con la partecipazione dell’istituto professionale SICLJ – Centro di Educazione Tecnica di Lubiana, che offre, tra gli altri, corsi tecnici in “progettazione della moda” e tecnici professionali in “riparazione/rilavorazione tessile”. La scuola sarà affiancata dall’azienda Dolejši Modni Gumbi di Lubiana, fabbrica di bottoni in plastica, materiali organici nuovi materiali sintetici ed ecosostenibili a destinazione moda e accessori.

Il settore trasversale della Logistica sarà invece rappresentato dalla Croazia, con la partecipazione dell’Istituto SCP Škola na Cestovni Promet di Zagabria – Scuola Superiore per il Traffico Stradale, che offre qualifiche in “Tecnico della Logistica e delle Spedizioni” e in “Tecnico del Traffico Stradale”. L’Istituto sarà affiancato dall’azienda Time Shuttle Mreža di Zagabria, spedizioniere del Gruppo tedesco Hammer, che si occupa di stoccaggio, trasporto, consegna espressa di merci.

La disseminazione e la valutazione dell’impatto potenziale delle soluzioni di riduzione dell’impatto ambientale delle produzioni testate durante il progetto, saranno affidate a Prospektiker, società indipendente dei Paesi Baschi specializzata in studi prospettici, consulenza strategica e previsione dei mega-trend che impattano le realtà produttive ed economiche dei territori, con particolare riferimento alla transizione digitale.

 

Attività

Le attività progettuali dureranno due anni, dal Novembre 2023 all’Ottobre 2025 e saranno suddivise in 5 Work Packages:

WP 1: Project management. Gestione e coordinamento delle attività, piano di controllo qualità e strategia di promo-comunicazione

WP 2: Studi di settore sul tema della sostenibilità ambientale nelle attività produttive e manifatturiere

I business partner di ogni paese/settore produttivo forniranno alle scuole articoli, studi, position papers e altra documentazione adatta a illustrare le sfide di sostenibilità ambientale che attualmente investono le attività produttive.

Ogni team /paese sperimentatore organizzerà un percorso di testimonianza aziendale con visita guidata a beneficio delle rispettive scuole partner locali, per familiarizzare gli studenti coi reali problemi di sostenibilità che impattano sui processi e prodotti industriali, manifatturieri e produttivi.

Gli studenti riceveranno da parte dell’azienda del rispettivo settore di riferimento una “sfida di sostenibilità” sui cui lavorare a scuola e a cui trovare una possibile proposta di soluzione. I docenti, sulla base del percorso di testimonianza aziendale, progetteranno un caso didattico basato sul lavoro e sulla risoluzione di problemi concreti.

WP 3: Programma didattico e testing work-based sulla sostenibilità a livello mono-settoriale

I VET provider partner di progetto sperimenteranno programmi laboratoriali, esperienziali, basati sul lavoro in ambiente scolastico o aziendale. In questa prima fase, gli studenti lavoreranno sul problema di sostenibilità ricevuto come “sfida” nel corso del precedente WP2 a livello mono-settoriale, ossia su un tema afferente al proprio indirizzo di studio. Attraverso sperimentazioni scientifiche in laboratorio, ricerche individuali e lavori in team ogni scuola tenterà di trovare un’ipotesi di soluzione o una proposta migliorativa al problema industriale studiato.

La metodologia formativa prescelta è quella della flipped classroom, per cui dapprima gli studenti sono chiamati a confrontarsi con una consegna ricevuta come “compito da risolvere”, ovvero la “sfida di sostenibilità” a loro lanciata da parte dell’azienda. Segue quindi una fase di sperimentazione laboratoriale in team e di ricerca individuale, monitorata e supervisionata dagli insegnanti, ma senza interventi di guida o risolutivi in termini di approccio o contenuto. Al termine della sperimentazione, seguirà una fase di presentazione e restituzione del lavoro svolto da parte degli studenti, con discussione, commento, correzione e valutazione da parte degli insegnanti.

WP 4: Programma didattico e testing work-based sulla sostenibilità a livello inter e cross-settoriale

Per preparare il secondo testing, business partner e VET provider progetteranno insieme uno o più problemi di sostenibilità ambientale afferenti ad almeno due distinti ambiti produttivi o indirizzi di studio, tra quelli presenti nel parternariato, da affrontare a livello inter e cross-settoriale.

Potranno essere individuati nuovi abbinamenti tra scuola e azienda, in modo che la scuola di settore meccanico italiana lavori con l’azienda logistica croata ad esempio, o che la scuola croata di settore logistico lavori con l’associazione agricola portoghese.  In alternativa, potrà essere concordata un’articolata sfida di sostenibilità che tocchi tutti i settori rappresentati, e ciascuna sarà affrontata tramite testing laboratoriali distinti presso ciascun istituto VET partner. La modalità di cooperazione tra pari e di supervisione azienda/studenti avverrà in questo modo a distanza, attraverso meeting virtuali programmati tra studenti di scuole diverse e tra manager e docenti/studenti di paese/settore diverso per chiedere assistenza, guida, validazione dei programmi e delle soluzioni testate.

WP 5: Eventi moltiplicatori

Saranno organizzati presso ciascun paese partner di progetto (Italia, Spagna, Portogallo, Slovenia e Croazia) eventi pubblici di presentazione delle attività progettuali e dei risultati ottenuti.

 

Risultati
  • Studi di settore in tema ambientale, con analisi e focalizzazione dei problemi di sostenibilità ambientale più rilevanti ed urgenti nell’ambito dell’industria manifatturiera per ciascuno dei settori produttivi rappresentati nel partenariato.
  • Percorso di testimonianza aziendale articolato in visita aziendale guidata + evento di testimonianza presso il VET Provider con presentazione di un caso di studio sulla sostenibilità ambientale e lancio della sfida agli studenti.
  • Linee guida multilingue con modellizzazione dei case studies individuali, a scopo di replicabilità.
  • Testing basato sul lavoro a livello mono e intersettoriale per la risoluzione di problemi di sostenibilità in ambito produttivo e industriali.
  • Programmi formativi per l’inserimento della sostenibilità ambientale come disciplina didattica negli istituti VET.